“Ho suonato davanti a Tito, ora parlo ai Grandi Profeti”

Goran Bregović - Il musicista in Italia con il suo progetto “Tre lettere da Sarajevo”: “Missive alle nostre grandi religioni”
“Ho suonato davanti a Tito, ora parlo ai Grandi Profeti”

Quindici secondi. Tanto durò l’esibizione dei Bijelo Dugme davanti al Maresciallo. “Eravamo la band più idolatrata della Jugoslavia”, ricorda il loro chitarrista Goran Bregovic. “Uno dei figli di Tito gli aveva cantato una nostra canzone e il padre gli aveva chiesto: ‘Cos’è?’. Così qualcuno pensò di invitarci a un gala di Capodanno al Teatro dell’Opera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.