» Società
lunedì 11/12/2017

Ho sacrificato la mia vita e la mia carriera per un uomo che a 53 anni mi ha lasciata

Ho sacrificato la mia vita e la mia carriera per un uomo che a 53 anni mi ha lasciata

  Questa cosa che le mogli dopo il divorzio adesso secondo i giudici se la devono cavare più o meno da sole mi fa salire il sangue al cervello, cara Selvaggia. Togliamo anche quest’onere agli ex mariti, dai. Cosa resterà poi di un matrimonio? Nulla. Potranno accasarsi, figliare, assicurare sopravvivenza al loro cognome, trovare cene […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Cinepanettone, ormai è accanimento terapeutico

Commenti

La prof. portoghese che ospita a casa sua i giovani dell’antimafia

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×