Ho il cuscino tatuato sulla faccia

La mattina ho la pressione bassa, non riesco a svegliarmi. Mi alzo all’ultimo minuto, mangio una Girella in ascensore e corro assonnata, trafelata verso scuola. Ho quelle insopportabili pieghe del cuscino in faccia, che partono dalla fronte e attraversano le palpebre finendo a metà guancia. La mattina sembro un clown, un saltimbanco. Perché le pieghe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.