Hanno lasciato crescere il jihad nel ventre molle di Bruxelles

Hanno lasciato crescere il jihad nel ventre molle di Bruxelles

Il duplice attentato di ieri a Bruxelles può avere diverse letture: la prima è quella fornita proprio dall’Isis e che obbedisce strettamente al principio del “colpire chi ci colpisce”. Si tratterebbe di una punizione per i bombardamenti in Iraq, nei confronti del Belgio perché parte della coalizione europea contro lo Stato islamico (con Inghilterra, Francia, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.