» Primo Piano
mercoledì 23/03/2016

Hanno lasciato crescere il jihad nel ventre molle di Bruxelles

Hanno lasciato crescere il jihad nel ventre molle di Bruxelles

Il duplice attentato di ieri a Bruxelles può avere diverse letture: la prima è quella fornita proprio dall’Isis e che obbedisce strettamente al principio del “colpire chi ci colpisce”. Si tratterebbe di una punizione per i bombardamenti in Iraq, nei confronti del Belgio perché parte della coalizione europea contro lo Stato islamico (con Inghilterra, Francia, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Primo Piano

L’imbecillità dei politici e il terrore: cuore, deliri narcisistici e nulla di fatto

Primo Piano

Finora l’Isis ha colpito gli Stati, ora minaccia l’intera Unione

Con la legge Madia più concorsi fasulli
Primo Piano
In Tv

Con la legge Madia più concorsi fasulli

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×