Hackerate o piratate, le serie ci inchiodano. Al computer

Sottratti e diffusi sul web materiali sensibili di “Game of Thrones”. Ma l’unico danno sono i 5 milioni di euro di riscatto. L’importante infatti è che i fan in Rete ne parlino
Hackerate o piratate, le serie ci inchiodano. Al computer

I draghi sputafuoco di Daenerys Targaryen sono nulla rispetto al terrore provocato sulle scrivanie dei vertici di Hbo dagli hacker che hanno violato i loro sistemi: 1.5 Terabyte di materiale confidenziale tra cui numeri di telefono di protagonisti di Game of Thrones (si fanno i nomi di Emilia Clarke, Peter Dinklage e Lena Headey), sceneggiature […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.