» Cultura
mercoledì 09/05/2018

Guido Caprino, protagonista de ‘Il miracolo’: “Vi prego, non ditemi che sono un sex symbol”

Protagonista de “Il miracolo”

Raccomandazione iniziale della sua collaboratrice: “Per favore, non gli dia del sex symbol, si sente male”. Va bene, con un “però”: Guido Caprino è difficile da non notare, famoso o meno, riconoscibile o meno, è comunque un ragazzone poco oltre i 40 anni, poco sotto il metro e 90, fisico atletico, aria da dannato, capelli lunghi, barba incolta, baffi importanti (“è per il prossimo personaggio”, quasi si giustifica). In carriera ha interpretato una gamma articolata di umanità: dal leghista cinico e trucido in 1993 (“ci sarà anche nella prossima stagione”), alla fiction de Il commissario Manara, fino a quello di presidente ne Il miracolo, la bella serie tv scritta e diretta da Niccolò Ammaniti, in onda su Sky.

Al momento è uno degli attori più apprezzati…
Davvero? Pensare che all’inizio volevo pure mollare.

Non era soddisfatto?
Le prime volte lavoravo con dei tempi lenti, iper riflessivi, fino a quando, senza troppa retorica, mi hanno detto: “Hai rotto le palle, di’ ’sta battuta”.

Un trauma.
Appena fuori dal set mi sono seduto su un muretto, e in stato di autocommiserazione: “Non so recitare, non è il mio futuro”. Poi è passata una signora…

E l’ha consolata.
Ha chiesto l’autografo, ma le ho risposto: “Non sono un attore”.

Perché?
Mi sono sempre sentito inadeguato, non all’altezza, figuriamoci in quel momento di sconfitta.

Lei è cangiante.
Amo scegliere personaggi che non mi aspetto, quelli che temo maggiormente; amo i ruoli che mi spaventano: un attore che non rischia, non arriva al pubblico.

Dalla Sicilia a Milano.
Sì, ma più di vent’anni fa: un’avventura continua vissuta con la sana incoscienza di un ventenne.

Sesso, droga e festini.
Eventualmente spingerei più sul sesso.

Lavorava come modello.
Esatto, e non era una scelta di vita, solo pratica, solo per guadagnare il necessario; però ho viaggiato tanto, imparato le lingue, e ho capito come gestirmi nelle varie situazioni.

I primi soldi guadagnati?
Ho fatto la spesa.

In “Novecento” Bertolucci racconta il modo differente di affrontare il set: Depardieu tranquillo e bevitore, De Niro serio e sofferente.
Di formazione sono più alla De Niro, riguardo al metodo non credo al modello unico: se hai preparato bene la scena, puoi anche portare sul set l’attimo prima del ciak. Comunque in un film ho interpretato Bertolucci…

Bertolucci soddisfatto?
Ha commentato: “Questo attore ha più testosterone di tutta la mia famiglia”.

È un complimento?
Non credo, e lui lo adoro, anzi gli domando scusa per la mia performance.

Recitare è la sua ragione di vita?
È al centro, mi sarebbe dispiaciuto non riuscirci.

Non è una “ragione”…
Amo anche altri lati dell’esistenza, ma spesso questo aspetto viene frainteso, come se non me ne importasse abbastanza.

Quindi?
Se sono sul set mi impegno al massimo, non vedo sfumature; quando finisce non sono ossessionato dal ciak, riesco a staccare.

Non ama le tournée.
Perché è un periodo molto lungo, troppo lungo e ripetitivo: spettacolo, ristorante, albergo e in luoghi sconosciuti. E a patto di trovarsi bene con la compagnia, altrimenti è l’inferno. Con la cinepresa giri, e arrivederci alla prossima.

Si rivede?
Molto dopo l’uscita, prima attendo le reazioni del pubblico, cerco di carpire il loro giudizio, e dopo, non sempre, mi siedo e analizzo.

La confondono mai per i suoi personaggi?
È successo ai tempi della fiction Il commissario Manara, una volta mi hanno fermato: “Commissario mi dia la patente”.

Allora è andata liscia.
No, è scattata la multa.

È famoso?
La fama è quella che ti cerchi, e nelle giuste dosi è piacevole; troppa credo sia difficile da gestire.

Complessi?
Fisici non credo di averne mai avuti, sul piano professionale eccome: all’inizio mi giudicavano solo per l’aspetto esterno, “ecco è arrivato il bello”, mi incazzavo tantissimo; a causa di questo ho perso tempo utile.

Bentivoglio si è imbruttito, apposta e per anni.
Lo capisco, e infatti non temo i ruoli da non-bello, come per il leghista in 1993.

Per “Il miracolo” non si sarà ancora rivisto.
Caso strano, questa volta ho affrontato le prime due puntate…

Sta diventando adulto.
Ora non esageriamo.


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia

“Non ho neanche i pezzi di mio figlio per il funerale”

Cultura

“Il buonismo democristiano è finito persino sui palchi”

“Corsivo o stampatello, la mano marca il segno”
Cultura
Calligrafa

“Corsivo o stampatello, la mano marca il segno”

di
La modernità tra orrore e stupore
Cultura
Arte

La modernità tra orrore e stupore

di
Gli abitanti del bosco possono essere chi vogliono
Cultura
Libro Bambini

Gli abitanti del bosco possono essere chi vogliono

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×