Guggenheim: arte sì, purché non sia da cani

Il museo ritira tre opere cinesi dopo le proteste degli animalisti
Guggenheim: arte sì, purché non sia da cani

Fino a che punto può spingersi l’arte? Esiste un limite alla libertà di espressione artistica? È meglio che un’opera contemporanea desti clamore e polemiche, che scandalizzi e faccia pensare o sono preferibili pitture, sculture e installazioni che riconciliano col mondo? Queste domande sono eterne e le risposte non esistono in via assoluta. L’arte è arte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.