Guai ai vinti, Erdogan evoca la pena di morte

Ancora tensione - Spari all’aeroporto di Sabiha Gocken per fermare 11 golpisti in fuga. Il presidente invita i cittadini a “restare nelle piazze”
Guai ai vinti, Erdogan evoca la pena di morte

Mentre Erdogan continua a ripetere al suo popolo che “non è finita”, e di rimanere nelle strade e nelle piazze a vigilare che le forze che hanno tentato di rovesciare il governo non tornino all’attacco, qualche strascico del golpe di due giorni fa agita ancora gli abitanti di Istanbul. Più di un brivido è corso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.