Guadagni rischiosi, gli italiani che restano nel far-west Sahara

Anche dopo la chiusura dell’ambasciata diverse società si affidano ai delicati rapporti con autorità e clan
Guadagni rischiosi, gli italiani che restano nel far-west Sahara

Ancora guai per una delle diverse società italiane rimaste in Libia, nonostante la chiusura dell’ambasciata a Tripoli nel febbraio 2015 e la successiva ritirata dell’Istituto Italiano per il Commercio Estero (Ice). “Abbiamo poche informazioni e confuse”, lamentava con il Fatto, oltre un anno fa, uno dei responsabili dell’Ice, che per motivi di sicurezza preferisce parlare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.