Grizzly Bear: il ritorno “ordinario” dei quattro di Brooklyn

Cinque anni di inattività sono considerati un’eternità nel mondo discografico contemporaneo. Tuttavia, quando dietro la pubblicazione di un nuovo album si intuisce la purezza compositiva e lo sforzo multidimensionale sostenuto nell’atto creativo, cinque anni di silenzio possono valere oro. Tra i maggiori esponenti di quell’irripetibile ondata di band indipendenti che agli inizi degli anni Zero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.