Grida “Allah è grande” e pugnala a caso: 1 morto, 3 feriti

La stazione di Monaco come Gerusalemme o il West Bank; un giovane tira fuori il coltello e inizia a colpire chi trova a tiro, gridando “Allah Akbar”; il bilancio è di un morto e tre feriti, ma la matrice terrorista appare labile. Il responsabile è un ragazzo tedesco di 27 anni descritto come solitario, aiutato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.