“Grazie fratè”: le amicizie pericolose di Pepe Reina

Il n.1 del Napoli intercettato con Gabriele Esposito (arrestato ieri) mentre ringrazia per un pomeriggio “di relax” in un centro massaggi
“Grazie fratè”: le amicizie pericolose di Pepe Reina

“Grazie fratè”. Fratello, in spagno-napoletano. Intercettazione del 16 maggio 2014. Così il portiere del Napoli Pepe Reina – che poche settimane dopo si trasferirà al Bayern Monaco a fare la riserva di lusso di Neuer – si rivolgeva a Gabriele Esposito (suo il cellulare sotto controllo), ringraziandolo di avergli organizzato un pomeriggio di relax in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.