Graviano: “Se sto alla sbarra io ci deve stare anche Berlusca”

Il boss di Brancaccio - Un mese fa la Penitenziaria ha trovato nella sua cella un coltello e lo ha trasferito. Altre rivelazioni dei colloqui con il camorrista Adinolfi
Graviano: “Se sto alla sbarra io ci deve stare anche Berlusca”

“Adesso comincia un altro processo della Trattativa, ha già il numero. Ho chiesto: ma è lo stesso processo? No, questo è un altro, ma è collegato a quello… siete più persone… Quindi se ci sono io ci deve essere pure Berlusconi”. È il 7 marzo 2017 e il boss Giuseppe Graviano, raccontando al compagno di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.