Graviano: “Berlusca ci chiese favori, poi ha tradito il patto”

Al processo - Il pm Di Matteo spiega che “Riina è lucido, parla di Ciancimino e Gelli” E deposita le intercettazioni del boss di Brancaccio sul ricatto stragista del ‘92-‘93
Graviano: “Berlusca ci chiese favori, poi ha tradito il patto”

Nel giorno in cui il pm Nino Di Matteo rivela che fino a poco più di due mesi fa il capo di Cosa Nostra Totò Riina era “perfettamente lucido e orientato nel contesto’’ e, come al solito, in grado di lanciare messaggi parlando “dei rapporti tra Ciancimino e Licio Gelli, ma anche della morte dell’ex […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.