Gomorra, lo spartito perfetto della rottamazione renziana

L’epopea del giovane segretario e la guerra interna ai democratici raccontati attraverso i personaggi della serie: altro che House of Cards
Gomorra, lo spartito perfetto della rottamazione renziana

Il lampo dell’illuminazione arriva a metà del primo episodio della nuova serie. È quando don Pietro Savastano, appena evaso, si appresta a partire per l’esilio teutonico e lascia le consegne ai suoi uomini che restano a Scampia (i dialoghi sono in lingua napoletana, qui tradotti): “Io me ne devo andare. Ma a Napoli voi sarete […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.