Gli screzi tra la nuova Argentina e il Papa

Esponenti del governo di Buenos Aires criticano figure vicine a Bergoglio. E Macri si sarebbe sentito snobbato
Gli screzi tra la nuova Argentina e il Papa

Nemo propheta in patria”: la definizione pare calzare a pennello per la relazione alquanto turbolenta tra il Papa Francesco e la sua Argentina. Osteggiato dal kirchnerismo fino a dopo l’elezione perché accusato di legami con il regime militare (invece poi si scoprì che la sua posizione diplomatica permise di salvare vite umane, anche di esponenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.