Gli emuli di Atta e gli speronatori palestinesi

Armi “non convenzionali” - Negli ultimi anni centinaia di aggressioni con le auto in Israele
Gli emuli di Atta e gli speronatori palestinesi

Auto, bulldozer e ora un camion frigorifero. La prima volta in cui un “lupo solitario” ha usato la propria auto come se fosse un’arma, risale al marzo 2006. Al volante c’era Mohammed Reza Taheri-azar, un americano di origine iraniana che tentò di uccidere un gruppo di studenti nel campus dell’Università della Nord Carolina a Chapel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.