“Gli anni facili” e anche commoventi: la memoria collettiva pre-rivoluzione

Il romanzo di formazione di Giovanni Pacchiano ambientato nella “ingenua” Milano tra il 1961 e il 1962
“Gli anni facili” e anche commoventi: la memoria collettiva pre-rivoluzione

È così bello leggere le pagine di Giovanni Pacchiano ne Gli anni facili. È la Milano di Buzzati. È una milanesità che affiora e ci sorprende nei suoi riferimenti colti. Attraversa la vita di giovani matricole, classicisti alle prese con un anno accademico denso di allusioni prodromiche per la storia del nostro paese: 1961- 1962. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.