Gli abusi del Forteto: per il “profeta” malore e carcere

Gli abusi del Forteto: per il “profeta” malore e carcere

Rodolfo Fiesoli, il fondatore del Forteto di Vicchio (Firenze), ieri è stato arrestato in esecuzione dell’ordine di carcerazione a seguito della condanna divenuta definitiva dopo il pronunciamento della Cassazione per accuse di violenze su minori ospitati nella comunità da lui creata. La pena inflitta è di 15 anni e 10 mesi: Fiesoli, detto “il profeta”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.