Giudici e politica, che pensa il M5s?

Il 27 e 28 luglio, due avvenimenti apparentemente slegati tra loro, hanno riguardato due magistrati che hanno avuto, per così dire, la “fortuna” di ricoprire importanti incarichi (fuori ruolo) nel gabinetto del ministro di Giustizia non esercitando, così, per alcuni anni, le gravose funzioni giurisdizionali. Il primo caso riguarda il magistrato Giovanni Melillo il quale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.