Giro, Eurovision e turismo: vince l’offensiva del sorriso

Per Netanyahu un successo mediatico che “cancella” la questione mediorientale
Giro, Eurovision e turismo: vince l’offensiva del sorriso

Brand Israel, che brutto compleanno festeggiare i primi settant’anni. E pensare che si era fatto di tutto per rinfrescarle il make-up. Per cambiare l’immagine. Uno sforzo a tutto campo, su fronti inediti, con impegni inusuali. Una campagna globale, capillare, accattivante. Negli slogan. Negli eventi. Prima il Big Start del Giro d’Italia a Gerusalemme, costato l’ira […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.