“Giovannona coscialunga era un film per educande. Oggi la volgarità è inutile”

Sergio Martino - “Mostravo due seni ed ero triviale. E il cinepanettone con le flatulenze, no?”
“Giovannona coscialunga era un film per educande. Oggi la volgarità è inutile”

Idiosincrasie degli attori: “Milian aveva grandi angosce personali, era competitivo e lunatico. Un giorno ti amava e quello dopo ti odiava. Una sera a cena, Tomas inizia con il gioco della torre. ‘Chi getteresti tra me e la Fenech?’. Svicolo: ‘È la compagna di mio fratello Luciano, preferirei non rispondere’. Allora punta l’operatore Claudio Morabito: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.