Giovannino Settebellezze. Dalla concessionaria al Coni

Il presidente del Coni, tra spese pazze e caso Totti, è un presenzialista dei salotti della Capitale. Principe del cazzeggio con l’Avvocato Agnelli e Luca di Montezemolo, si fidanzò con la bellissima Lucrezia Lante della Rovere, salvo poi ritrovarsi a baciare il berlusconiano Gianni Letta
Giovannino Settebellezze. Dalla concessionaria al Coni

Sono trent’anni che la beltà romanesca di Giovanni Malagò, soprannominato Megalò da Dagospia, rifulge in fuffose immagini alto-borghesi e politicamente trasversali. Una sequenza che impone tassativamente alla mente dei comuni mortali un quesito impellente: “Ma che lavoro fa questo Malagò-Megalò?”. Risposta: “La famiglia di Malagò vende auto di lusso, dalla Ferrari in giù”. Il che […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.