“Giornalista e lesbica, batto l’odio con l’ironia”

Carolin Emcke - Il saggio della reporter tedesca sulla “apatia dell’Occidente borghese che non reagisce a xenofobia e jihad”
“Giornalista e lesbica, batto l’odio con l’ironia”

Sono omosessuale e faccio la giornalista: appartengo a due delle categorie sociali più odiate”. Proprio grazie alla sua estrema franchezza, la giornalista freelance tedesca, Carolin Emcke, si è imposta all’attenzione del grande pubblico e lo scorso ottobre ha vinto il “Peace Prize”, assegnatole dai librai tedeschi (in passato lo vinsero autori come la Nobel Svetlana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.