Gianluigi Gelmetti, il podio che a Roma hanno dimenticato troppo in fretta

Tra i migliori direttori d’orchestra italiani, fino al 2009 è stato a capo dell’Opera della Capitale, prima di Muti
Gianluigi Gelmetti, il podio che a Roma hanno dimenticato troppo in fretta

Ho scritto più di una volta che oggi i direttori d’orchestra migliori, anzi i soli accettabili in tutto, sono fra i settanta e i novant’anni, con qualche ridotta eccezione: se si pensa che ultraottantenni sono, in ordine decrescente d’età, Herbert Blomstedt (89), Bernard Haitink (87), ambedue felicemente sulla breccia, Nello Santi, che ha festeggiato sul […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.