“Giangiacomo e quei giorni con lui all’Avana”

“Giangiacomo e quei giorni con lui all’Avana”

Inge Feltrinelli risponde al telefono con la voce rotta dall’emozione: “Cosa vuole, ho conosciuto Fidel più di sessant’anni fa, nel 1953…”. Lei, reporter e fotografa tedesca, era all’Avana per Hemingway. “Ricordo Cuba poverissima, come Calcutta. I bambini erano affamati, giravano coperti di cenci per strada. Sono stata tante volte là, sia a trovare Fidel sia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.