“Ghost in the Shell”, del manga è rimasto solo il guscio vuoto

La riproposizione in chiave Marvel degli androidi umanoidi illustrati dal giapponese Shirow Masamune: più che una pellicola, un simulacro
“Ghost in the Shell”, del manga è rimasto solo il guscio vuoto

In principio fu il manga scritto e illustrato dal giapponese Shirow Masamune per Kodansha Comics. Era il 1989, e Ghost in the Shell avrebbe fatto adepti in tutto il mondo, Hollywood compresa: Spielberg, Cameron e i fratelli, ora sorelle, Wachowski. Gli androidi umanoidi avevano già conquistato gloria cinematografica, per dirne uno, con Blade Runner (1982), […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.