» Commenti
giovedì 12/10/2017

I mitici 11 del Rosatellum Football Club

Il Rosatellum Bis ci fa sognare. La sua nascita dipende da un manipolo di valorosi supportati da intellettuali di specchiata moralità. Insieme formano una sorta di Team Rosatellum. Scopriamoli insieme.

Rosato Ettore. Questo bell’omino, dal volto sbarazzino e dal crine saturo di Uni Posca renzino, ha deciso di consegnarsi mani e piedi alla leggenda. Concepire una cosa più orrenda di Porcellum e Italicum pareva impossibile, ma lui ce l’ha fatta. Poster in camera subito.

Migliore Genny. Ex massimalista divenuto col tempo – come quasi tutti i massimalisti – banderuola filogovernativa, è sempre in tivù a dirci che Renzi è Marx, Giachetti Lenin e Crudelia Morani Rosa Luxemburg. Se qualcuno lo contesta, lui replica: “La vedo troppo nervoso”. Se ha davanti un M5S o Mdp, sentenzia: “Ho perso il conto di quante volte Scotto e Di Battista hanno gridato alla deriva antidemocratica”. In questa squadra ha il ruolo di terzinaccio (di destra): bravo non è, però si applica parecchio.

Fiano Emanuele. Aveva detto che porre la fiducia sul Rosatellum Bis non era neanche argomento di discussione nel Pd. Infatti: nessuna discussione, ha deciso tutto il Sire Goffo di Rignano. E i tanti Fiano, almeno in questo bravissimi, hanno obbedito zelanti.

Richetti Matteo. Sempre più erculeo, fino a un anno fa era l’anello di congiunzione tra civatiani e renziani: i suoi fuorionda su Renzi e renziani, ascoltati oggi, sarebbero divertenti. Alludendo alle opposizioni, ha detto che la fiducia si è resa necessaria per “evitare i giochini del M5S”: un sincero democratico. Da quando Renzi gli ha regalato un ossicino in cambio del ruolo di maggiordomo, Richetti scodinzola a comando che è un piacere. Son soddisfazioni.

Meli Maria Teresa. Pascola tivù per difendere il Sacro Verbo Renziano. Se le citano i grillini gesticola tarantolata, se lodano Mdp urla supercazzole livide con Pisapia prematurata a destra. Una volta, a Bongiorno che lo sfotteva perché camminava male, Alberto Sordi replicò: “Vedi, Mike, il tempo che passa attacca in due modi. A volte alle gambe. E altre alla testa”. La Meli, che si sappia, cammina benissimo.

Gentiloni Paolo. Ha il carisma dei Pokemon, il coraggio dei Lego catalettici e la vis polemica degli alkekengi. Leader vero.

Mattarella Sergio. Quello prima era tutto un monito, questo è tutto un dormire. Da Re Giorgio a Ponzio Pilato: quanto ci manchi, Sandro Pertini.

D’Amico Ilaria. Di recente ha fatto sapere che non è più “purista”, per poi sostenere una tesi già mitologica: “Meglio qualche corrotto che uno Stato rotto”. Attendiamo con ansia altre rime di tal fatta. Per esempio: “Meglio un Rosatellum che un ultimatum”. Oppure, e se Ella preferisce: “Meglio qualche nominato che un Nardella adirato”. C’mon Ilaria.

Brunetta Renato. Quando Renzi pose la fiducia anche sull’Italicum, evocò il fascismo. Adesso no: adesso va bene tutto. “Io incoerente? Questa volta è una legge condivisa con parte delle opposizioni, magari non sono quelle che piacciono al Fatto. Noi vinceremo le elezioni con il centrodestra”. Ah, che meraviglia questa bella e salda coerenza dei falchi berlusconiani.

Scalfari Eugenio. Il capitano della squadra. Mai livido, a Di Martedì ha minimizzato sui rischi del Rosatellum per poi dispensarci il consueto Vangelo intriso di sfavillante democrazia: “Nelle democrazie funzionanti ci sono al massimo tre partiti: una sinistra democratica, una destra democratica, un gruppo di centro. Noi ne abbiamo cinque, uno dei quali è formato dai cosiddetti grillini. Non hanno un programma e insultano tutti”. Lui, invece, non insulta mai nessuno: si ispira direttamente a Gandhi.

Salvini Matteo. È la star indiscussa della formazione. Mesi e anni a spararle grosse, tra felpe obbrobriose e ruspe a casaccio, per poi divenire un pretoriano qualsiasi del renzusconismo in cambio di due cadreghe. Il giorno in cui hanno distribuito la coerenza, e forse pure il coraggio, probabilmente era assente perché impegnato in una gara di rutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Mail Box

Commenti

Legge elettorale, non ci sarà tempo neanche per la consulta

Commenti

Mail Box

Commenti
Il sabato del villaggio

Non basta un pezzo di canone a tutelare La7

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×