Gengis Khan allo stadio tifa la Lazio

Perché quando vado per strada, mi fermo a un semaforo e distrattamente guardo le pubblicità, l’occhio mi cade sempre e solo su quelle delle pompe funebri? Stanno dappertutto, non sono appariscenti, eppure s’insinuano, ti colpiscono per la scelta di colori smorti, oddio il termine non è troppo adatto, ma al contrario le reclame ti ricordano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.