“Gay, timido e sieropositivo: il buddismo mi ha reso felice”

Una delle voci de “Il ruggito del coniglio” si racconta in un libro: “Il miracolo? Lavorare in Rai tanti anni senza tessera di partito”
“Gay, timido e sieropositivo: il buddismo mi ha reso felice”

È una delle voci più conosciute d’Italia eppure lui si definisce “timido”, “diversamente emotivo”, finito alla radio per sbaglio (“io volevo fare l’attore”). Oggi rivela di sé cose sconosciute a tutti, persino a chi gli sta vicino: dal 1989 recita tutti i giorni, mattina e sera, le preghiere quotidiane del Buddismo di Nichiren Daishonin. Inoltre, dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.