Gay Talese, scivolone sulla buccia del guardone dei Motel americani

Il “Post” smonta il nuovo libro dell’inventore del New Journalism: “Fatti non veri”. Lui si scusa: “Non lo promuoverò”
Gay Talese, scivolone sulla buccia del guardone dei Motel americani

Se sei proprietario di un motel a Aurora, Colorado, dove Nabokov ambientò una sosta di Lolita (“Nel Colorado, con ogni cosa a posto: i bianchi, larghi calzoncini da ragazzo, la vita sottile, sopra la vita la pelle nuda color albicocca”), il minimo che tu possa fare è costruire un corridoio insonorizzato sopra le stanze in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.