Gaber, la libertà e la violenza dolce del “non ci sono alternative”

In quel disperato apologo sulla libertà all’americana che è Si può (“niente ti sgretola così bene dal di dentro”), Giorgio Gaber butta lì uno dei suoi geniali paradossi: “Ma con tutta la libertà che avete, volete pure la libertà di cambiare?”. La vicenda del prossimo governo è tutta qui: è possibile cambiare? Questa, pur essendo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.