Fusione col buco e processo: Mazzoncini sul binario morto

Il capo delle Fs (renziano) potrebbe essere costretto alle dimissioni: dopo il rinvio a giudizio lo impone lo Statuto. E ora l’Anas, con cui è convolato a nozze, dovrà fare svalutazioni per 1,8 miliardi
Fusione col buco e processo: Mazzoncini sul binario morto

Sono giorni amari, amarissimi per Renato Mazzoncini, prelevato due anni e mezzo fa da una sconosciuta società di terza fila dei bus e catapultato da Matteo Renzi alla guida delle Ferrovie, una delle più grandi aziende pubbliche d’Italia. Dopo aver assaporato il gusto dolce del potere (“Ma lei pensa che io sia qui solo per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.