Freetown non è Londra, la spy story è piena di iene

Freetown non è Londra, la spy story è piena di iene

Mettete da parte le avventure glamour del James Bond hollywoodiano, il mondo delle spie è popolato da iene. Almeno così lo dipinge lo scrittore statunitense Denis Johnson nel suo nuovo romanzo, Mostri che ridono (accuratamente tradotto da Silvia Pareschi). Il cuore dell’azione è Freetown, la capitale della Sierra Leone, in cui convive un crocevia fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.