Franco Maria Ricci, ottant’anni inseguendo la bellezza. E i labirinti

Celebrato al Teatro Regio di Parma l’editore che ha sempre saputo trasformare l’effimero in eterno
Franco Maria Ricci, ottant’anni inseguendo la bellezza. E i labirinti

AFranco Maria Ricci non è bastato essere uno dei più raffinati editori del pianeta, una specie di Aldo Manuzio cinque secoli dopo, capace addirittura di ristampare opere come il Manuale Tipografico di Giambattista Bodoni – l’uomo che segnò l’inizio della cultura grafica moderna, ispiratore anche di Steve Jobs e del quale Ricci possiede tutte o […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.