Formula Champions a dittatura spagnola

Un re, tre damigelle e quattro nani di corte. Nell’istantanea della Champions League, il prestigioso torneo calcistico giunto al 21° anno di vita dopo il restyling del 97-98 (quando l’Uefa cambiò formula: fino ad allora erano ammessi a parteciparvi solo i club campioni in carica), l’immagine non lascia spazio a dubbi: in primo piano l’assoluto, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.