Fischi, rabbia e ribellioni: il Pd non decide e implode

La giornata - L’Assemblea approva un documento di mediazione che rinvia tutto di un mese: 221 i contrari. Martina resta reggente, Renzi se ne va senza parlare
Fischi, rabbia e ribellioni: il Pd non decide e implode

Non decidere: alla fine di una giornata convulsa e sbrindellata, l’Assemblea del Pd raggiunge quest’obiettivo. Traduzione per i non appassionati di Pd: dopo i ballottaggi delle amministrative ci sarà un’altra Assemblea che dovrebbe far partire il congresso in autunno o forse all’inizio del 2019 (con quale guida del frattempo? chissà); Martina rimane reggente (cioè un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.