Firme false M5s, deputati dai pm. La base vuole l’autosospensione

Palermo, anche un avvocato tra i 10 indagati convocati da domani in Procura: “Suggerì di ricopiare le sottoscrizioni”. Gli eletti regionali non mollano le cariche
Firme false M5s, deputati dai pm. La base vuole l’autosospensione

Sono dieci gli inviti a comparire ricevuti dai protagonisti del “pasticcio’’ delle firme false a Cinque Stelle a Palermo e da sabato mattina inizieranno a sfilare in Procura i deputati regionali e nazionali coinvolti insieme al cancelliere Giovanni Scarpello che autenticò le firme e a tre candidati delle liste incriminate per le Comunali del 2012. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.