Fiorello che diventa “giornalista” è come Totò che si scopre “principe”

Lo showman, con la sua “Edicola Fiore” è meritatamente il vincitore del premio fondato da Montanelli, Biagi, Bocca e Aneri

Fiorello che – sia detto a sua gloria – si rifiutò di diventare “dottore” a gratis, oggi è contento di prendersi la patente di “giornalista”. Secondo la giuria del premio È giornalismo è lui il professionista dell’informazione. Rosario Fiorello, il numero Uno degli showman, con la sua “Edicola Fiore” – cinque anni di rassegna stampa […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.