“Finora un fantasma, ora si ricordano di me”

L’emigrante - Da Napoli alla Baviera, per aprire un ristorante: il Consolato si è fatto vivo solo per il Sì
“Finora un fantasma, ora si ricordano di me”

Il Consolato non mi ha mai trovato. Il postino di Renzi sì”. Sorride a denti stretti Diego, cambiando maschera per pochi secondi mentre restituisce la carta di credito con la fattura a uno dei primi clienti del suo ristorante. “Danke!”, dice. E poi, prosegue con la frase di rito per invitarlo a tornare mentre lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.