“Finalmente torna lo spread” ovvero l’autosabotaggio

C’è qualcosa di stupefacente nell’assenza di spirito critico nel nostro attuale dibattito pubblico; e qualcosa di tremendo nel compiacimento dei tanti commentatori che si stanno cimentando coi “moniti” dell’Europa, il nervosismo dei mercati, le raccomandazioni di Confindustria. Come noto martedì da Bruxelles sono arrivati diversi allarmi. Il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, intervistato da […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.