» Cultura
venerdì 09/06/2017

Filippo, figlio d’arte in una sala giochi

Il nuovo album di Graziani unisce voce, ritrattistica d’amore e cattiveria acustica: un “non-luogo” degli anni Ottanta, con sentimenti e dolori contemporanei
Filippo, figlio d’arte in una sala giochi

Filippo Graziani ha un gran talento, di cui neanche è consapevole del tutto, e vive meglio di altri l’esser figlio d’arte. Arte vera, perché il padre è Ivan, da cui Filippo ha preso tanto. Tra le altre cose la voce, il gusto per la ritrattistica d’amore e “la cattiveria acustica, proprio l’impostazione tecnica della chitarra: […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

“Il nome della rosa” o, meglio, della risata

Cultura

La promessa degli Alt-J: l’oscurità è un’emozione perversa

Cultura
Cinema - European Audiovisual Observatory 2017

Biglietti in calo in tutta Europa. L’Italia la peggiore: -12% di ingressi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach
Cultura
L’analisi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach

di
I giochi linguistici di Eco. Quando scrivere è genialità
Cultura
Della stessa pasta - Omografi, omonimi, omofoni

I giochi linguistici di Eco. Quando scrivere è genialità

di
Non tutti i nasi vengono per nuocere
Cultura

Non tutti i nasi vengono per nuocere

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×