Filippine: Duterte, il leader che uccide

Il silenzio internazionale sul dilagare della pratica di omicidio di Stato in un Paese ritenuto democratico, ritenuto rispettabile e, infatti, bene accolto e rispettato da tutti, è un crimine che potrebbe definirsi complicità in una grave violazione di diritti umani. Ora il generale Rodrigo Duterte, eletto democraticamente Presidente delle Filippine, e sostenuto da una approvazione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.