Figli e mattoni per conquistare la Città santa

Le colonie ebraiche contro la crescita demografica araba per rivendicare il controllo
Figli e mattoni per conquistare la Città santa

Nei bar arabi della città gira una battuta. “Cosa manca a Gerusalemme per diventare Capitale? L’ambasciata statunitense? No, l’aeroporto!”. Per arrivare nella Città Santa si atterra a Ben Gurion, distante oltre un’ora di curve dal Muro del pianto. L’aeroporto internazionale di Gerusalemme c’è, ma è chiuso. Aperto negli anni ’30, passò sotto il controllo giordano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.