Fermo divisa dal delitto razzista. “Ma quello se l’è un po’ cercata”

Dentro la città - L’omicidio del nigeriano ha ammutolito tutti, poi la passerella di Alfano ha creato irritazione e alimentato le tensioni

A Fermo c’è un prima e un dopo. Il prima. L’uccisione del nigeriano Chidi Namdi Emmanuel scaturita dalle parole razziste del fermano Amedeo Mancini rivolte alla moglie Chiniary: “Scimmia, neri che cazzo fate…” ha suscitato un sentimento di vergogna collettiva. La città era ammutolita. Nonostante quel fatto gravissimo fosse ascrivibile al gesto isolato di una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.