Fenomenologia del “Quo vadis?”, romanzo di un nazionalista polacco

Un convegno e una mostra internazionale a Roma per celebrare l’opera di Henryk Sienkiewicz

Se Quo vadis è diventata una delle espressioni più note universalmente, il merito è di uno scrittore polacco di nome Henryk Sienkiewicz, che sul finire dell’Ottocento pubblicò un romanzone destinare a diventare un classico senza tempo. Quo vadis, appunto, che nell’edizione originale è senza punto di domanda, ma nelle traduzioni italiane sì. “Domine, quo vadis?”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.