“Favori ai Vip, stampa amica e zero lavoro: l’Italia di Renzi”

L’ex segretario del Pd spiega al premier che non può dimenticare l’economia e pensare solo al referendum. Il Made in Italy deve essere anche siderurgia e industria, non solo cibo e bellezza

C’è il referendum costituzionale a ottobre, ma adesso c’è l’economia che non va. Matteo Renzi dice che è tutto a posto: “Prima riporteremo l’economia ad avere un segno più davanti e poi otterremo un successo al referendum”. Pier Luigi Bersani è perplesso: “Gran parte della gente con quel segno più non ci campa. Consiglio di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.