Falcone nel mirino di “menti raffinatissime”

I corvi animano l’estate dell’antimafia a Palermo - Il dossier di Arnaldo La Barbera, le lettere anonime e i candelotti all’Addaura. È la stagione dei veleni
Falcone nel mirino di “menti raffinatissime”

Alla fine degli anni 80, l’Italia scoprì che la mafia (e non solo) avvelena i pozzi dell’informazione solo d’estate: quella del 1988 fu torrida per l’antimafia, arrivò a Palermo con il volto squadrato di Arnaldo La Barbera atterrato a Punta Raisi l’8 agosto 1988 e ad attenderlo trovò solo giornalisti e fotografi: “Vengo per mettere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.