» Storie d'Italia
giovedì 21/07/2016

Falcone nel mirino di “menti raffinatissime”

I corvi animano l’estate dell’antimafia a Palermo - Il dossier di Arnaldo La Barbera, le lettere anonime e i candelotti all’Addaura. È la stagione dei veleni
Falcone nel mirino di “menti raffinatissime”

Alla fine degli anni 80, l’Italia scoprì che la mafia (e non solo) avvelena i pozzi dell’informazione solo d’estate: quella del 1988 fu torrida per l’antimafia, arrivò a Palermo con il volto squadrato di Arnaldo La Barbera atterrato a Punta Raisi l’8 agosto 1988 e ad attenderlo trovò solo giornalisti e fotografi: “Vengo per mettere […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

No Tav, le iniziative “improvvide” dei magistrati

Storie d'Italia

Santa Claus, i bagni danesi in acqua aspettando la neve

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia
Storie d'Italia
La condanna al falò

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia

di
“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”
Storie d'Italia
Il libro del banchiere

“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×