Facebook e il ricatto del politically correct

Facebook e il ricatto del politically correct

Gennaio 2016: Ivano Porpora è uno scrittore, su Facebook pubblica un post provocatorio in difesa dei diritti degli omosessuali e per farlo, utilizza più volte la parola “figa”. Descrive l’organo femminile dal suo punto di vista, esprime la sua venerazione. Il post viene segnalato da alcuni utenti, ma Facebook non ritiene debba essere rimosso. Così, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.