» Cronaca
martedì 29/11/2016

Expo, raddoppia l’inchiesta sull’appalto da 272 milioni

La Procura generale intenzionata a chiedere una proroga sulla gara della Piastra
Expo, raddoppia l’inchiesta sull’appalto da 272 milioni

Inchiesta Expo e maxi-appalto della Piastra, 272 milioni di gara vinta da Mantovani spa con un ribasso monstre del 41%. Diversi i protagonisti e, in fondo, una sola domanda: in che modo Mantovani si aggiudicò la gara? Una risposta cui la Procura ha rinunciato con una richiesta di archiviazione, respinta dal gip. Risultato: il fascicolo è stato avocato dalla Procura generale. L’indagine così prosegue per corruzione e turbativa d’asta. E lo fa dentro a uno tsunami di carte.

Troppa, infatti, la documentazione (per lo più tecnica) per poter sbrigare la faccenda in 30 giorni, tempo concesso dal gip Andrea Ghinetti l’11 novembre scorso. Per questo al terzo piano del tribunale, negli uffici della Procura generale, ecco qual è il ragionamento: il tempo è troppo poco, per questo si chiederà una proroga d’indagine di sei mesi. Insomma, l’ultima e più oscura inchiesta su Expo non si ferma, ma raddoppia. A oggi sono indagati i due ex manager di Expo, Angelo Paris e Antonio Acerbo, l’ex responsabile di Mantovani Piergiorgio Baita, Erasmo e Ottaviano Cinque della Socostramo srl, imprenditori, questi, già vicini all’ex ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli. L’attuale titolare del fascicolo è il sostituto procuratore generale Felice Isnardi. Uno dei punti cruciali è rappresentato dalla commissione gara che alla fine diede il via libera all’offerta di Mantovani. Nella richiesta di archiviazione si spiega che la commissione di gara era “caratterizzata da membri interni tutti subordinati al presidente Paris delle cui competenze tecniche non si riscontra l’accertamento”. Senza contare “gli oltre 20 giorni tra la chiusura delle analisi delle offerte qualitative e l’apertura delle buste economiche”. La squadretta di quella commissione fu messa insieme a Roma e non a Milano. E ciò, all’epoca, costituì un inciampo ai progetti dell’allora dominus di Infrastrutture lombarde Antonio Rognoni che, come mostreranno le intercettazioni, puntava su Impregilo. Questo aspetto, in particolare i 20 giorni passati tra le analisi qualitative e le buste economiche, si lega, e Isnardi ne pare consapevole, all’episodio del “pizzino” recapitato a Rognoni da un emissario di Mantovani che lo stesso ex dg di Ilspa ricorderà essere Ottaviano Cinque.

C’era scritto: “Sappiamo che siamo andati bene nella parte qualitativa”. In quel momento Rognoni comprende che dentro la Commissione qualcuno ha parlato. Le intercettazioni chiariscono. Due indagati nell’indagine su Infrastrutture parlano dell’episodio. Annota la Gdf: “Dice che le notizie sono uscite e lui (Rognoni) è convinto che sia stato Acerbo (…) gliel’ha detto Paris”. Certo resta un’ipotesi, ma è evidente che Angelo Paris, per il ruolo di vertice che ricopriva, non poteva non sapere. Questo lascia immune da colpe l’ex ad di Expo spa e attuale sindaco di Milano Giuseppe Sala? A oggi la risposta è certamente positiva. Sala non è mai stato indagato né mai sentito come testimone. Ipotesi che ora, con la possibilità di prolungare l’indagine, non pare affatto esclusa.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
calcio e ’ndrangheta

Il Crotone non sarà confiscato. “Legittimi i beni dei Vrenna”

Non saràconfiscato il Crotone calcio, così come gli altri beni di proprietà del gruppo imprenditoriale dei fratelli Raffaele e Giovanni Vrenna, per un valore complessivo di 800 milioni di euro. Lo ha deciso ieri mattina la Corte d’appello di Catanzaro che ha rigettato l’appello della Procura distrettuale antimafia contro la decisione del Tribunale di Crotone che aveva dichiarato legittimo il patrimonio degli imprenditori. L’accusa, in sostanza, sosteneva che i Vrenna sarebbero stati “imprenditori attigui al fenomeno mafioso per essersi, sin dalla genesi della loro attività imprenditoriale, accordati con le consorterie criminali e segnatamente con quella denominata Vrenna-Corigliano-Bonaventura”. A sostenere questa contiguità, in particolare, il collaboratore di giustizia Luigi Bonaventura. I giudici, accogliendo le tesi del difensori dei fratelli Vrenna, gli avvocati Francesco Gambardella e Francesco Verri, nella loro corposa motivazione, hanno invece sostenuto che tutte le fonti riconducibili ai Vrenna sono legittime così come il patrimonio mobiliare e le risorse utilizzate per la squadra di calcio del Crotone che oggi milita in Serie A.

Cronaca

Quando il pm fa a pezzi il processo

Mondo

Fillon è già il paladino contro l’ultra-destra

Macchinisti 1 – Trenitalia 0: vinta la lotta degli indennizzi
Cronaca
“Tempi morti”

Macchinisti 1 – Trenitalia 0: vinta la lotta degli indennizzi

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×